Pro Loco Santa Maria di Leuca

alla scoperta di Leuca
LA STORIA DEL “PREMIO LEUCA”
Il Premio Leuca nasce nel 1987 e quello di quest’anno, dopo 15 anni di pausa, è alla sua XII edizione. Una serie di circostanze favorì in quel periodo il sorgere di questa iniziativa. La Provincia di Lecce in quegli anni promuoveva iniziative culturali di rilievo, di musica, arte e un cospicuo programma di opere teatrali che venivano svolte nei luoghi di rilevanza turistica, tra i quali c’era naturalmente Leuca.
Notevole era il cartellone delle rappresentazioni teatrali con compagnie e attori di alto livello come Giorgio Albertazzi, Aldo Giuffrè, Paolo Poli con la sorella Lucia, Mario Scaccia. E’ in questa circostanza che alla pro Loco di Leuca e all’Amministrazione comunale di Castrignano venne l’idea di istituire un premio speciale, una specie di festival che caratterizzasse Leuca nel tempo per una sua particolare iniziativa, e si pensò al Premio Leuca, Rassegna di teatro, da assegnare alla migliore compagnia teatrale, agli attori principali e alla migliore regia su giudizio di apposita giuria. All’inizio del percorso, in concomitanza con il cartellone teatrale promosso dalla Provincia, si è pensato ad una rassegna di teatro salentino, in vernacolo o in italiano con compagnie amatoriali del territorio pugliese, con una caratterizzazione comico-brillante.
Successivamente si è voluto dare alla rassegna un’impronta meno localistica, optando per un teatro più universale e di autore. Si iniziò dunque nell’estate del 1987 (1^ edizione). L’organizzazione artistica di quell’evento fu affidata alla consulenza della società Specimen di Salvatore Gervasi di Lecce, il quale curò anche altre edizioni. In quell’anno, accanto a rappresentazioni teatrali con attori famosi, si realizzò una rassegna di teatro comico-popolare con l’affermazione della compagnia “Il Campanile” di Lecce che rappresentò Pompe e zenzali di Tonino Brizio. Si tenne anche un laboratorio teatrale da parte della Specimen di Lecce, mentre grande successo ebbe l’incontro con l’autore: Lucia Poli, Aldo Giuffrè, Paola Pitagora, Roberto Bisacco, Mario Scaccia. Lo stesso schema si tenne negli anni immediatamente successivi.
Poi quando venne meno l’apporto di cartelloni rilevanti programmati dalla Provincia e dalla Regione, la Rassegna di Leuca optò per un teatro d’autore con opere di Pirandello, Molière, Lorca, e dell’antichità classica, oltre a commedie tipicamente salentine. Così nel 1990 (4^edizione) la Rassegna comprese opere salentine di Marcello Gaballo con l’esilarante Don Galeazzo di Lucugnano, L’Arcu de Pratu di Menotti Corallo e classiche come la Tragicommedia di don Cristobal e di donna Rosita di F.Garcia Lorca. Nel 1997 si sviluppò un cartellone improntato sul classico: Moière, Pirandello. Nel 2003 (9^ edizione) si rappresentarono tra l’altro opere di Cechov e questo fu l’anno in cui si interruppe la Rassegna.
Nel 2018 con determinazione l’attuale dirigenza della Pro loco ripropone la Rassegna teatrale realizzando la 10^ edizione col patrocinio dell’Amministrazione comunale, con l’aiuto e il sostegno delle forze vive della comunità, gli operatori economici che hanno consentito la ripresa di questo importante evento per Leuca. La Calandra con l’Edipo Re vince la 10^ edizione del Premio Leuca.
Nel 2019 la 11^ edizione; grande successo della Compagnia Alibi Artisti Liberi Indipendenti con Muttura.
Interruzione 2020 e 2021 per il Covid.
2022 – 12^ edizione – riprende questo importante evento per Leuca che darà, come nelle passate edizioni, sicuramente lustro alla città e alla sua comunità.

Il Tuo 5x1000 alla Pro Loco Leuca

Nella Tua Dichiarazione dei Redditi Inserisci il Codice Fiscale della

Pro Loco Leuca 81030860753

Dai il tuo sostegno, comunica la tua scelta ai tuoi amici e invitali a donare il 5×1000 alla Pro Loco Leuca

Iban IT64B0526279550CC0170240110

Clicca e Dona alla Pro Loco Leuca, il Tuo Contributo è Importante per Noi

welcome to Santa Maria di Leuca

la tradizione vuole che San Pietro, reduce dall’Oriente, abbia cominciato la sua predicazione in Italia da Leuca. La leggenda vuole anche che l’Apostolo, colpito dalla bellezza quasi metafisica del luogo, abbia preteso che a Leuca ci si rechi almeno una volta, o in vita o in spirito dopo il trapasso, quasi fosse un’anticamera per accedere al Paradiso

enjoy your finibus terrae

 

vieni con noi

#weareinleuca

Leuca: anticamera del paradiso

…La tradizione vuole che San Pietro, reduce dall’Oriente, abbia cominciato la sua predicazione in Italia da Leuca. La leggenda vuole anche che l’Apostolo, colpito dalla bellezza quasi metafisica del luogo, abbia preteso che a Leuca ci si rechi almeno una volta, o in vita o in spirito dopo il trapasso, quasi fosse un’anticamera per accedere al Paradiso: questa lingua di terra protesa nell’infinito non suscita forse un desiderio di contemplazione?”

hai bisogno di informazioni?

Tel.  3474043738

 

lungo mare Cristoforo Colombo, 53

infosegreteria@prolocoleuca.it

chiama la Pro Loco